VALDOBBIADENE – FORTITUDO VEDELAGO (48-43) – PROMOZIONE MASCHILE

Progressivo 13-20, 17-29, 39-36.
ARBITRI: Nicosia e Libralesso.

VALDOBBIADENE: Stramare, Rossetto 14, Tosi 4, Caponnetto 10, Feltrin 4, Mazzocato (K) 4, Buziol 3, Pieri, Santos 4, Prosdocimo 2, Castellan 2, Rizzardo 3. All.re Binotto F. , vice all.re Stramare S.
TL: 6/16 T2: 12/39 T3: 6/20. Tecnico: Binotto. Antisportivo: Buziol.

FORTITUDO VEDELAGO: Fighera (K) 5, Volpato 9, Filippetto 2, Nicoli 6, Berlato, Cecchetto, Stocco 2, Cavallin 6, Marcon 7, Gasparini 6. All.re: Bonfà.
TL: 14/17 T2: 10/27 T3: 3/12. Usciti 5 falli: Fighera e Volpato.

 

Ultima di campionato tra le mura amiche prima di affrontare i playoff, resta da vedere se come terzi o quarti; ci fosse la diretta radio sicuramente saremmo sintonizzati sul campo di Ponte Della Priula per sapere cosa fa San Vendemiano, nostra contendente per la terza piazza. Sulla nostra strada si para però Vedelago ancora in lizza per ultimo piazzamento utile in ottica playoff, l’ottava posizione; attualmente è occupata da Valbelluna che ha perso venerdì sera con Nervesa, squadra di coach Zanotto che fino all’ultimo non fa sconti. Se Vedelago vincesse, sopravanzerebbe Valbelluna, ma dovrebbe ancora attendere esito dello scontro di questi ultimi con Caerano, recupero della 19^a di campionato, per conoscere il suo destino.

L’unica soluzione per entrambe le squadre è vincere e sperare, quindi alle 21 si aprono le danze. Partiamo bene, ma andiamo subito in sofferenza per i problemi di falli della nostra batteria di lunghi. Produciamo molto ma altrettanto sprechiamo; 5 su 15 nelle conclusioni dal campo (con una magata di tabella di capitan Mazzocato) e 2/2 dalla lunetta, mentre Vedelago, che infierisce dalla lunetta con un 11/12 e una tripla di Volpato sullo scadere del quarto, chiude il primo parziale sul risultato di 13 a 20. Nel secondo quarto la situazione non migliora, 2 su 16 dal campo per noi (con un potenziale buzzerbeater di Stramare che accarezza la retina dopo aver sorvolato 20m di campo) e 0/8 dalla lunetta mentre i nostri ospiti centrano un 3 su 11 su azione e scendono ad un umano 1/3 dalla lunetta. Dopo l’intervallo si riaccende l’interruttore cestistico della nostra squadra e con il duetto tra Rossetto e Caponnetto piazziamo il primo tassello della rimonta, parziale di 5 a 0 dopo un minuto. Adesso sono gli ospiti a faticare nel trovare buone conclusioni, difendiamo meglio e li costringiamo a molte palle perse (8 in questo quarto) mentre in attacco ci ripetiamo ancora grazie a Ross e Capo con altri 5 punti; un antisportivo a Buziol con successivo 2/2 di Volpato  rallenta la nostra rincorsa ma un ennesima tripla di Rossetto ci permette di agganciare a quota 32 la Fortitudo quando mancano 4’ allo scadere del 3° quarto. Se dalla distanza sono #6 e #8 di casa a capitalizzare, sotto le plance è il #9 Feltrin a fare la voce grossa, tanto lavoro sporco che però paga con 4 punti, 2 falli subiti (uno sfondamento), 3 rimbalzi e 3 assist. Chiudiamo sul 39 a 36 e nell’ultima frazione lo sforzo si fa sentire: Stocco piazza subito il canestro del -1, ma su entrambi i fronti si sbaglia molto. Dove non si arriva con la tecnica si compensa con sacrificio e dedizione, finchè le triple di Tosi e Rizzardo non ci portano sul 45 a 38. Sembra finita ma Vedelago ha un ultimo sussulto con la tripla di Fighera ed un’altra conclusione dalla distanza che il ferro respinge, sul rimbalzo Caponnetto subisce fallo e spegne le velleità avversarie con il secondo 2/2 dalla lunetta della sua partita.

Grande soddisfazione dei nostri portacolori per aver ribaltato una gara che sembrava compromessa dopo due quarti, un po’ smorzata dalla vittoria di Sanve con Priula Basket, che ci relega al quarto posto; è tuttavia un quarto posto che rappresenta il miglior piazzamento della nostra compagine in questa categoria. La corsa non è finita, possiamo concederci un po’ di riposo per ripartire e cercare di superare lo scoglio del primo turno playoff, scoglio su cui in  quattro occasioni (Mogliano, Caerano, Feltre e Rovigo) si è infranto l’aggancio alla serie D. Il nostro avversario dovrebbe essere la quinta classificata del girone B, quello di Venezia, che – salvo sorprese – dovrebbe essere Noale. L’appuntamento è tra le mura amiche per il weekend successivo a Pasqua, rimanete sintonizzati per giorno ed ora.

#sparklingagain #Buziaantisportivofacile #Rossgotoguy #Castestàsentà #Jack-aaaaahhhgggg                    #Jack-uuuuhhh #magnapanino #Maltanonpervenuto #Nanoscout #ancheAlicionescout #Henrycopter #Gigiincastrabaloni #Saraccaidraulico #Grisosegnapunti #questomatrimoniononshadafare #powerrangers #datelediviseaifioi #tantoStramalava #stastoriadeglihashtagstasfuggendodimano