SILEA – BASKET LAB (70-57) – U20

B.Lab Valdobbiadene: Tosi 7, Vanzin 6, Morgan 10, Marcon 9, Dalla Costa 2, Favero 2, Antiga, Zavarise, Boschiero 12,  Trinca, Serafin 5, Ferracin 4. All.ri De Bortoli – Frassetto.

 

Primo resoconto per gli Under 20 di quest’anno (i nostri numerosi fan ci perdoneranno per questo ma gli impegni sono sempre molti e bisogna sempre lottare per trovare tempo da dedicare alla narrazione delle nostre epopee).

Il commento a questa sarebbe molto simile a quella delle altre 5 precedenti: una squadra alla ricerca disperata di un equilibrio tra i suoi componenti.

Il gruppo è infatti l’unione di due vincitori per due anni consecutivi del proprio campionato provinciale (parliamo dei 98 nel 2016 e dei 99 nel 2017) che hanno visto qualche loro compagno di squadre partire per altre esperienze (sportive e non) e che devono trovare la giusta amalgama tra di loro visto la loro indubbia diversità (98 agonismo allo stato puro con molta attenzione alla tattica, 99 talento indiscusso ma difficolta di stare negli schemi).

Questo certo non è stato facile finora visto che in quasi tre mesi di allenamenti si è riusciti solo nell’ultima settimana a farne due consecutivi in più di 9 persone e, grazie a questo “sforzo” si è  visto, nella partita persa contro Silea,  qualche canestro in più realizzato ricercando i giochi piuttosto che sfruttando soltanto la presunzione di onnipotenza di qualcuno.

Certo quando poi si incontrano squadre che segnano 13 tiri da tre punti rispetto allo sconfortevole vuoto realizzativo su una decina di tentativi da nostra si capisce che si possa anche perdere di 13 lunghezze appunto, e se a questo aggiungiamo pure l’infelice costanza di errori da soli sotto canestro che ci ha portato a sbagliare ben 8 entrate senza colpo ferire dall’avversario possiamo ben affermare che le possibilità di portare a casa le partite diventino certo più difficili.

Ciliegine sulla torta poi, che non mancano mai alle partite, sono le  poco edificanti situazioni create da un certo  pubblico che preferiamo non descrivere ne commentare ma che ci auguriamo non si ripetano più visto la sterilità e la pochezza della loro importanza sia in termini di commento che efficacia per le partite e certo di nessuna utilità per le  vittorie.

Detto tutto ciò ci preme sotto lineare che questo il gruppo è bello, simpatico, stimolante, promettente, intellig…(no questa è troppo grossa per 10 euro promessi) diciamo loquace….dunque sarà un bel lavorare quest’anno per tutti.

Alla prossima sperando in risultati siano migliori.

UMANA REYER VENEZIA U20  – ALFIERE BASKET LAB (84-31) – PROMOZIONE FEMMINILE

Alfiere Basket Lab: Marcolin, Bellini 2, Pedori 8, Bazzichetto 4, Costantin, Bellè, Bonsembiante (K) 14, Dametto 3, Nicoletti, Polegato . Allenatore: Altin

Trasferta a Mestre contro la giovane Reyer per le nostre ragazze della Promozione. La squadra di casa può contare su ottime tiratrici da dietro l’arco e soprattutto centimetri “da categorie superiori” sotto i tabelloni, fattori che hanno in gran parte determinato il risultato finale.
Partenza difficile con la formazione Veneziana che piazza un parziale di 11 a 0, con le nostre che non riescono a trovare soluzioni offensive con le avversarie che si chiudono bene in area e difendono aggressive sulla palla; sfruttando dei mismatch favorevoli riusciamo a rompere il ghiaccio, ma, nonostante la buona intensità difensiva e i raddoppi intelligenti che costringono a tiri difficili, la Reyer trova quasi sistematicamente il rimbalzo offensivo: alla fine dei giochi le lunghe avversarie assieme producono 45 punti, buona parte di questi su secondo tentativo. Nel secondo quarto riusciamo a sfruttare le loro difficoltà a difendere sul pick and roll subendo ben 9 falli, ma una giornata non propriamente fortunata al tiro non premia in più volte le ottime occasioni create dalle nostre ragazze. Dopo l’intervallo qualche palla persa di troppo e il ferro che a tratti sembra maledetto consentono alle veneziane di incrementare ulteriormente il vantaggio, brave ad attaccare in modo ordinato e paziente, come accadrà anche nell’ultimo quarto.

PALL. VALDOBBIADENE  U13 – PASTA ZARA CASTEFRANCO (51-55)

Parziali: 6-7, 13-27, 17-11, 13-4, 2-6.
T.L. 5 /17.

Buona prestazione per l’under13 Valdobbiadenese, partenza a rilento per entrambe le squadre che mantengono comunque una buona difesa, al secondo periodo complici molte sviste e disattenzioni dei padroni di casa Castelfranco infligge un parziale non da poco.
Servono tutti e due i periodi successivi per ricucire lo strappo e al suono della sirena si chiude sul 49 pari. Altri cinque minuti di supplementare per decidere l’incontro; ormai con poche energie i ragazzi ci provano fino alla fine, castelfranco però è più lucida e più paziente, segna due canestri importanti e vince meritatamente l’incontro.
Ora altre tre gare per chiudere il girone d’andata puntando ad avere qualche vittoria in più per risalire anche in classifica.

OLIMPIA GB – ALFIERE BASKET LAB U13 (62-56)

Olimpia Gb: Adami , Pietrobon 21, Fighera , Ebrini , Peggion , Rizzolo , Vitali , Passazi 2, Geronazzo, Pomponio 14, Fraccaro 25, Santini. All.re Gasparini G. , Vice all.re Tonietto M.

Alfiere Basket Lab: Bernardi 1, Michielin 2, Bolzonello 1, Bianchin 4, Piccinini 5, Serafin 2, Bazzaco 3, Bronca 6, Florean, Conte 2, Susan 28, Martins 2, All.re Zanesco M., Vice all.re Bottin E.

Ed ecco arrivato il primo referto giallo, che per i non adetti ai lavori, è sinonimo di sconfitta.
Trasferta a Castelfranco vs l’Olimpia GB.

Partita iniziata non nel migliore dei modi: loro partono a mille, corrono e segnano, noi siamo impauriti e non decisi nelle scelte offensive. Iniziamo a superare la “paura” dopo qualche minuto ed iniziamo a raccogliere qualche frutto in attacco. Solo che la poca decisione messa nelle scelte fatte ci porta a sbagliare degli ottimi tiri, oltrettutto spesso da vicino.
Nel secondo quarto riusciamo a rimontare 12 punti e chiudere il quarto sopra nel punteggio: 28 a 33 per noi.
Terzo quarto in sostanziale equilibrio, ma qualche minuto nostro di blackout e la difesa avversaria su alcuni nostri giocatori molto staccata in area, ci ha portato sotto di 6 punti.
Ultimo quarto giocato in crescendo, sempre però faticando con la difesa che ci trovavamo di fronte.
A 32 secondi dalla fine siamo sopra di 2.
Rimessa avversaria, difendiamo discretamente, prendiamo un prezioso rimbalzo, ma palleggiamo in mezzo al casino e perdiamo la palla … gli avversari accettano il regalo e segnano: parità.
25 secondi dalla fine, palla nostra … a 11 secondi dalla fine subiamo fallo: 2 tiri liberi. Ennesimo 0/2 della partita. Che alla fine costeranno carissimi.
Si va ai supplementari: noi abbiamo finito la benzina e la panchina era corta (uno fuori per 5 falli, uno dovuto andar via per un impegno e uno scavigliato…) … 6 a 2 per loro al termine dei 5 minuti e chiudiamo 62 a 56.

Partita che, probabilmente, alla fine era giusto finisse con un pareggio … ma per fortuna nel basket non esiste, quindi 2 punti meritati per la squadra di casa che ha avuto più energie, più decisione e più voglia nei momenti decisivi.

Bravi lo stesso ragazzi, che ci avete provato fino alla fine … ci servirà da lezione per poter tornare in palestra ancor più vogliosi di migliorare, insieme!
FORZA!

Ora, prossimo avversario: Fortitudo Vedelago al Palapace, sabato 18/11 ore 16.

FONZASO BASKET – PALL. VALDOBBIADENE U14 (65-28)

Tabellini: Grotto 4, Battagielo, Fabris 3, Pederiva !, Follador 4, Canello, Mangiacotti 4, Todoverto, Da Riva 3, Geronazzo 4, Carrer 5. Allenatore: Mischiatti 
Parziali: 12-6, 19-5, 16-13, 18-4.

Niente “Fonzie” a Fonzaso

Si pensava potessimo fare come il famoso personaggio dell’antica serie televisiva “happy days” ed andare in trasferta a fare i “ganzi” ed invece si ritorna dalle prealpi con una batosta impressionante e con la consapevolezza che se si sottovaluta l’avversario si esce sempre con le ossa rotte…Dopo le buone prestazioni, seppur sconfitti nel punteggio, contro il Montebelluna in casa ed in occasione del derby in famiglia contro il Cornuda in trasferta la nostra compagine si ritrova a giocare a Fonzaso contro soli 9 atleti a referto (ma con due che non hanno mai toccato il terreno da gioco) molto affiatati tra loro e inaspettatamente molto reattivi a ripartire in contropiede. Il primo e secondo quarto ci vede molto distratti a livello difensivo, subendo facili uno contro uno, avendo poca prontezza negli aiuti e trovandosi impreparati a rispondere a situazioni di “blocchi” sul portatore di palla, mentre in attacco pensiamo piu a passarci la palla che ad essere pericolosi a canestro (aiutati dal fatto che gli avversari stavano tutti ben chiusi a 2 metri di distanza da noi). Le soluzioni da fuori non arrivano ed il divario si allarga con loro che corrono bene in transizione. Al rientro degli spogliatoi i nostri sembrano aver piu voglia di giocarsela (parziale 16 a 13 per loro) ma il loro allenatore corre ai ripari chiamando una difesa a zona 3-2 per tutto l’ultimo quarto di gara. Non entriamo nel merito delle “scelte tattiche” della squadra avversaria ma facciamo si che questa partita ci serva di lezione per le gare future…piu concentrazione e piu “fame agonistica” ecco cosa ci vuole per vincere e convincere!
 
 

ALFIERE BASKET LAB – PRIULA BASKET (61-34) – U15

Alfiere: Minchio, Piovesan 3, Bruffato, Pegorin 6, Pizzolotto17 , Stanghellini, Moretto 6, Palese 6, Lucherini 4, Trinca 11; Berisa 8, Masin. All. Binotto, De Bortoli

Priula: Favaro, Somma, Perin 5, Dopalli 5, Buosi 2, Mavmudoski 9, Bislimi, Borali2, Bolzonello 2, Mazzocchi, Baldassin 7, Valdulescu 2. All. Baldassin
 
Iniziamo da questa partita i commenti degli under 15 non perchè sia la prima vinta ma semplicemente perché richiamati all’ordine dalla società.
Anche in questa, come nelle precedenti partite, basterebbe scrivere: “lavori in corso”.
Un commento certo cortissimo ma pieno di significato visto che il gruppo, orfano dei due amici convolati ad altre squadre, è alla disperata ricerca di un’identità propria che ancora dopo quattro partite ancora non pare scoperta.
I numeri, anche dell’ultima partita, sono significativi pur nella vittoria: 26 palle perse rispetto le sole 10 recuperate, 14 tiri realizzati su 47 tentati da due punti, 3 realizzati su 9 tentati da tre punti.
Certo non sono percentuali invidiabili, visto anche lo spessore degli avversari, squadra giovane la cui maggioranza di elementi ha iniziato questo anno a toccare palla.
Ecco che i due allenatori sono convinti che c’è parecchio da lavorare partendo da quella “spensieratezza” che contraddistingue questi ragazzi e che è una loro caratteristica positiva, sperando non evolva in irresponsabilità allo stato puro…..,ma noi confidiamo bene.