SAN VENDEMIANO – VALDOBBIADENE (67-62) – PROMOZIONE MAMSCHILE

. Progressivo 9-9, 31-19, 49-34

ARBITRI: Bastianel e Tanaka

VALDOBBIADENE: Stramare, Rossetto 5, Tosi 23, Caponnetto 2, Feltrin 6, Mazzocato (K), Spadetto 2, Rizzardo , Santos 13, Prosdocimo 4, Buziol 7. All.re Binotto F. , vice all.re Stramare S.
TL: 17/30 T2: 12/30 T3: 7/13. Antisportivo: Caponnetto, Santos. Tecnico: Stramare S. , Binotto.

SAN VENDEMIANO: Casagrande 18, Raccanello 5 (K), Tonon 9, Fernandez 2, Bannò 3, Zanin 5, Cecilian 6, Botteon 8, Piccin 6, Stiletto, Paci 5. All.re Dal Pos.
TL: 16/31 T2: 15/35 T3: 7/17.

Salviamo il salvabile, ovvero l’atteggiamento messo in campo da metà terzo quarto che ci ha permesso di risalire la china recuperando uno scarto di oltre 20 punti. Polveri bagnate per i tiratori della nostra compagine all’inizio di entrambe le prime due frazioni di gioco, in entrambi i quarti sono necessari oltre  5’ prima di andare a segno; sono numerose le conclusioni risputate dal ferro prima che Tosi inizi ad infierire dalla lunga distanza e si chiuda in parità il primo quarto grazie a 3 triple (2 Tosi e 1 Rossetto). Affrontiamo la seconda frazione senza l’apporto di metà del pacchetto lunghi, sovraccarico di falli, ed i padroni di casa riescono a prendere il largo facendo bottino dalla lunga distanza, con veloci contropiede e raccogliendo punti da secondi e terzi tiri. La partita è spigolosa, andiamo perennemente in bonus dopo qualche manciata di minuti mentre i nostri avversari sono bravi a preservarlo ben oltre la metà del quarto. Rientrando dall’intervallo il leitmotiv non sembra cambiare e quando stiamo per prendere la rotta che ci porterebbe ad una solenne imbarcata, troviamo un’inaspettata reazione con un quintetto che sarebbe un eufemismo definire azzardato: Stramare, Tosi, Santos, Prosdocimo, Buziol – età media 21 anni – riescono a gettare qualche manciata di sabbia negli ingranaggi avversari e progressivamente, più di cuore che di testa, riducono lo svantaggio ad un paio di possessi. Gli avversari sono tuttavia troppo navigati per farsi strappare il boccone di bocca ed il solito Casagrande dalla distanza, coadiuvato da un chirurgico Tonon ai liberi respingono al mittente i tentativi di sovvertire il risultato.

La linea verde, Tosi über alles, dei Prosecco-boys è stata chiamata a fare gli straordinari in questa gara, tuttavia senza l’apporto dei veterani non siamo riusciti ad espugnare uno dei campi più ostici dove ci ritroviamo a giocare da qualche stagione a sta parte. Onore ai vincitori che ci hanno agganciato in classifica, rimettiamo insieme i cocci e cerchiamo di chiudere positivamente il 2016 nella gara casalinga con La Torre tra una settimana.